A+ A A-

Adam e la visita al museo

ADAM E LA VISITA AL MUSEO

 

Adam aveva i capelli neri e pelle di color marroncino, era di origine Marocchina. Il bambino aveva 7 anni e frequentava da qualche mese la classe seconda. Per il 13 novembre era prevista una uscita scolastica, si andava a visitare un museo di storia che comprendeva tanti reperti del passato. Il bambino era in trepidante attesa, finché non arrivò quel meraviglioso giorno. Il museo era pieno di oggetti del passato, candelabri, penne con calamaio, slittini d’epoca, lumi, ceste enormi dove fare il bagno o lavare i vestiti, antiche macchine da scrivere e tanti altri reperti storici. Adam era molto emozionato e, anche se gli era stato vietato, quando non era vicino alla guida o agli insegnanti, toccava qualche oggetto. Il bambino era rimasto ammaliato dalla riproduzione di una cascina del 1800 ed iniziò a toccarla. Ad un certo punto, mentre accarezzava il muso di un mulo accadde che sentì la piccola bocca dell’animale morderlo, d’istinto ritrasse la mano e chiuse gli occhi per il dolore … immediatamente si ritrovò all’interno della cascina e davanti al mulo… come era potuto succedere? Non ebbe neanche il tempo di pensarci che sentì uno dei muli parlare: “Ciao, io sono il mulo Andrei e vivo qui da tanti anni” <<Tu- tu parli come gli esseri umani?”>> – rispose Adam impaurito. – Certamente, io sono il mulo del passato, del presente e del futuro, sono magico e, quando muoio rinasco in un’altra epoca e sempre in una cascina, fattoria didattica, zoo o azienda agricola – rispose il mulo. Poco dopo aggiunse – lo sai perché ti ho morso per trasportarti dentro questa cascina? Il bambino non sapeva cosa rispondere e provò varie opzioni: “Mi vuoi raccontare che sei bello in tutte le epoche? Mi vuoi spiegare cosa mangi? Mi vuoi far conoscere il padrone o far vedere la stalla? Andrei raccontò il motivo per cui era stato trasportato all’interno della cascina: “Ti ho morso perché ti vedevo molto interessato alla cascina ed io potrei darti tante informazioni”. Successivamente il mulo raccontò la storia dell’origine della cascina. Tanto tempo fa era molto grande e comprendeva persino un mulino per macinare il pane, un osteria ed una piccola chiesa. Si trovava accanto ad un fiumiciattolo e comprendeva alcuni locali con spazi chiusi (tante casette, il caseificio per fare il formaggio, i granai) e tanti spazi aperti (i campi per le coltivazioni, i terreni pieni di alberi da frutto). La cascina che vedeva Adam comprendeva una grande fattoria con tanti animali (maiali, mucche, galline, conigli, oche, tacchini, cavalli). La fattoria era recintata con un confine artificiale caratterizzato da una staccionata di legno; i campi, invece, erano terminavano per lo più con confini naturali (alberi di pioppi, il fiume, delle siepi). Era proprio bella! Il bambino fu accolto da una famiglia di contadini e visse dentro casa loro per parecchi giorni, imparò a prendere l’acqua dal fiume e darla agli animali, mungere le vacche, preparare il formaggio, arare e dissodare i campi, pulire le stalle, e fare tanti altri lavoretti a stretto contatto con gli animali e la natura. Un giorno decise di tornare alla vita che aveva vissuto prima della visita alla cascina, gli mancavano i suoi genitori, i compagni, i giochi al computer e l’allenamento di calcio. Fu morso dal mulo e si ritrovò nel bagno del museo; erano passati appena due minuti dal momento in cui era stato morsicato la prima volta da Andrei. Poco dopo rivide i suoi compagni ed abbracciò con intensità i suoi due amici preferiti; anche se per questi ultimi l’orologio era andato avanti solo di due minuti, Adam aveva vissuto un esperienza molto bella in una cascina del 1800 e non vedeva i suoi amici da ben 13 giorni.

 

Domande: 1) Che classe frequentava Adam? 2) In quale giorno ha avuto luogo la visita al museo? 3) Quali oggetti del passato vide il bambino nel museo? 4) Cosa successe quando Adam fu morso dal mulo? 5) Come si chiamava il mulo? 6) Quali sono gli animali presenti nella cascina? 7) Quale è il confine artificiale? 8) Quali sono i confini naturali? 9) Cosa imparò a fare il bambino dopo che fu accolto dalla famiglia di contadini? 10) Come fece Adam a ritornare nel museo dove lo attendevano i suoi compagni di classe?